CBD e sistema endocannabinoide

CBD e sistema endocannabinoide

Nel corpo umano esiste il sistema endocannabinoide (ECS) che produce neurotrasmettitori (endocannabinoidi) che si legano ai recettori dei cannabinoidi.

Questo fa sì che i cannabinoidi e, in particolare, il CBD interagiscano con i neurotrasmettitori per attivare il sistema immunitario ,alleviare il dolore, regolare l’appetito e il sonno.

L’efficacia dei cannabinoidi per alleviare il dolore è riconosciuta da molti anni ,tuttavia di recente è stato scoperto che anche il CBD è un potente antidolorifico .

Da molti studi è emerso che ha effetti ottimi anche nella terapia per i malati di artrite e schlerosi multipla.

Un’altra scoperta molto importante sul CBD e che agisce sui recettori del cervello regolando i livelli di serotonina, il neurotrasmettitore coinvolto nella gestione dei comportamenti sociali e dell’umore.

E’ stato dimostrato anche che il CBD aiuta il controllo dell’ansia e della depressione in modo naturale e senza effetti collaterali,ha un’azione molto efficace nella riduzione dello stress ossidativo che colpisce le cellule cerebrali grazie al suo potere antiinfiammatorio, inoltre non avendo effetto psicotico può aiutare a trattare la schizofrenia ed altri problemi di salute mentale, riduce gli effetti collaterali legati alle terapie contro il cancro tra cui dolore,vomito,nausea e inappetenza.

Quindi si può tranquillamente dire che il CBD ha una lista molto significativa di effetti positivi sull’organismo umano,ma è logico anche chiedere se ci sono effetti collaterali assumendo questa sostanza, ebbene l’OMS (organizzazione mondiale della sanità) ha cercato di rispondere a questa domanda esaminando tutte le ricerche relative al CBD dichiarando che è una sostanza ben tollerata dall’organismo e possiede un buon profilo di sicurezza,gli effetti collaterali che si possono verificare generalmente sono associati con l’assunzione di altri farmaci.

Bisogna inoltre ricordare che il CBD non genera effetti psicotropi nonostante il legame con THC,sono entrambi cannabinoidi ma interagiscono con l’organismo umano in modo diverso ,come è stato detto il CBD è una sostanza che dà benessere al corpo umano mentre il THC è la sostanza che causa il cosiddetto “sballo” ossia interagisce con i recettori del cervello creando uno stato di alterata euforia, “fame chimica” e scarsa memoria a breve termine.

Open chat